Sicurezza impianti gas

ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA IMPIANTI DI UTENZA GAS

DELIBERA N. 40/14 DELL' AUTORITÀ PER L’ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS

Dal 01/07/2014 sono entrate in vigore le nuove procedure in materia di accertamento della sicurezza degli impianti gas metano stabilite dall'AEEGSI con delibera n. 40 del 2014 che ha sostituito la delibera n. 40 del 18/03/04, nonché i nuovi moduli da presentare per ottenere l’attivazione della fornitura per i nuovi impianti, per gli impianti modificati o per quelli trasformati.

Per l’attivazione della fornitura gas di nuovi impianti o per la riattivazione di impianti modificati o trasformati la procedura è descritta nell'allegato F. Gli utenti dovranno rivolgersi al proprio venditore di gas che fornirà gli Allegato H/40 e Allegato I/40 precompilati da presentare per la richiesta.

Per l’attività di accertamento della documentazione verrà addebitato al cliente finale un importo, al netto delle imposte, così stabilito dall'Autorità:

€ 47,00 per gli impianti con portata termica fino a 35 kW;

€ 60,00 per gli impianti con portata termica superiore a 35 kW e fino a 350 kW;

€ 70,00 per gli impianti con portata termica superiore a 350 kW.

Una volta consegnati i suddetti modelli l’accertatore della società Acquambiente Marche Srl provvederà ad effettuare i controlli sulla documentazione presentata.

  • In caso di esito positivo, verrà attivata la fornitura.
  • In caso di esito negativo, l’Azienda Distributrice non potrà provvedere all'attivazione della fornitura e dovrà essere presentata una nuova richiesta di attivazione, dopo che l’installatore avrà provveduto ad eliminare tutte le non conformità riscontrate ed indicate in una apposita comunicazione che verrà inviata dall'Azienda Distributrice.

In caso di riattivazione della fornitura gas sospesa dal Distributore a seguito di dispersione di gas sull'impianto interno occorre inviare il "Rapporto di Prova" redatto secondo la norma UNI 11137/12 da un tecnico abilitato e copia del certificato di riconoscimento dei requisiti
tecnico/professionali
 al fax 071.7821802 o per email all'indirizzo [email protected]

Raccomandiamo, inoltre di conservare copia di tutta la documentazione inviata all'Azienda di Distribuzione da esibire nel caso di successiva verifica in loco dell’impianto da parte dei tecnici incaricati dal Comune.

La delibera n. 40/14 non si applica agli impianti di utenza alimentati a gas destinati a servire esclusivamente cicli produttivi industriali o artigianali.

Tutta la documentazione stabilita dalla delibera n. 40/14 dovrà essere trasmessa alla Società di Distribuzione Acquambiente Marche Srl con sede in via Recanatese, 27/I nel Comune di Castelfidardo (AN).

File Disponibili Per Il Download:

Icona

Allegato F 53 kB 117 downloads

Acquambiente Marche
Acquambiente Marche